I due gentiluomini di Verona – Atto V

I due gentiluomini di Verona – Atto V

(“The two Gentlemen of Verona” 1590 – 1595)

Introduzione - Riassunto

Atto I       Atto II       Atto III       Atto IV       Atto V

Introduzione al teatro di Shakespeare

Elenco opere teatrali

I due gentiluomini di Verona – Atto V


ATTO QUINTO – SCENA PRIMA

Entra Aglamoro.

 

AGLAMORO

Il sole comincia a indorare il cielo a ponente,

e questa è proprio l’ora stabilita

da Silvia per incontrarmi nella cella di Fra’ Patrizio.

Non verrà meno all’impegno: gli amanti non sbagliano i tempi,

se non per arrivar con bell’anticipo,

spronati come son dall’impazienza.

Entra Silvia.

Eccola, arriva! Madonna, sarete felice stasera.

 

SILVIA

Amen, amen… Di corsa, buon Aglamoro!

Alla postierla, nel muro dell’abbazia:

temo mi venga dietro qualche spia.

 

AGLAMORO

C’è una foresta dove rifugiarci:

è a meno di tre leghe. Il più è arrivarci. Escono.


ATTO QUINTO – SCENA SECONDA

Entrano Turione, Proteo [e] Giulia.

 

TURIONE

Ser Proteo, che dice Silvia del mio corteggiamento?

 

PROTEO

Beh, signore, la trovo più ben disposta che in passato;

ma trova ancora da ridire sulla vostra persona.

 

TURIONE

Perché? Ho le gambe troppo lunghe?

 

PROTEO

No, semmai troppo striminzite.

 

TURIONE

Mi metterò gli stivali, per rimpolparle un po’.

 

GIULIA [a parte]

Ma l’amore non puoi spronarlo a ciò che aborre.

 

TURIONE

Del mio volto che dice?

 

PROTEO

Dice ch’è luminoso.

 

TURIONE

No, la civetta mente. Se ho la faccia d’un moro!

 

PROTEO

Ma le perle son luminose e – dice l’antico adagio –

“i mori sono perle agli occhi delle belle”.

 

GIULIA [a parte]

Vero: perle così fan perdere il lume degli occhi.

Preferisco chiuderli, che aprirli su di loro.

 

TURIONE

Le piace la mia conversazione?

 

PROTEO

Poco, se le parlate di guerra.

 

TURIONE

Ma molto, se le parlo di pace e d’amore.

 

GIULIA [a parte]

E ancora di più se non le parlate affatto.

 

TURIONE

Del mio valore cosa dice?

 

PROTEO

Oh, signore, quello è fuori discussione.

 

GIULIA [a parte]

Per forza. Lei lo sa che lui è un codardo.

 

TURIONE

Che dice lei del nobil mio casato?

 

PROTEO

Che siete un gentiluomo assai bennato.

 

GIULIA [a parte]

Ma anche scimunito: che peccato!

 

TURIONE

Ha preso in considerazione le mie proprietà?

 

PROTEO

Oh sì, le fanno una gran pena.

 

TURIONE

E come mai?

 

GIULIA [a parte]

Perché sono di proprietà d’un tal somaro.

 

PROTEO

Perché sono in gran parte ipotecate.

 

GIULIA

Arriva il Duca.

 

[Entra il Duca]

 

DUCA

Salve, Ser Proteo! E voi, Ser Turione!

Chi di voi due ha visto Aglamoro ultimamente?

 

TURIONE

Io no.

 

PROTEO

Io nemmeno.

 

DUCA

E mia figlia, l’avete vista?

 

PROTEO

Neppure lei.

 

DUCA

Allora è fuggita da quel tanghero di Valentino

ed Aglamoro è il suo accompagnatore.

È vero: Fra’ Lorenzo li ha visti entrambi

mentre da penitente errava per la foresta.

Lui l’ha riconosciuto con certezza, di lei era quasi certo

ma, mascherata com’era, non n’era del tutto sicuro.

Inoltre lei intendeva confessarsi stasera,

nella cella di Fra’ Patrizio: e invece non c’è andata.

Questi elementi confermano che si è trattato di fuga;

per cui vi prego, non state qui a far salotto

ma balzate in sella d’urgenza e venite a raggiungermi

ai piedi di quelle alture

che portano in quel di Mantova, verso cui son fuggiti.

Sbrigatevi, amabili signori, e tenetemi dietro. [Esce]

 

TURIONE

Perbacco, questa sì è una ragazza indocile,

che fugge la fortuna quando questa l’insegue!

Lo seguirò, più per vendicarmi di Aglamoro

che per amore della sventata Silvia. [Esce]

 

PROTEO

E io lo seguirò, più per amore di Silvia

che in odio ad Aglamoro ch’è in fuga con lei. [Esce]

 

GIULIA

E anch’io, ma più per intralciare lui

che in odio a Silvia, fuggita per amore. [Esce]


ATTO QUINTO – SCENA TERZA

[Entrano] Silvia [e] dei Fuorilegge.

 

PRIMO FUORILEGGE

Su, su,

fate la brava: dobbiam portarvi dal nostro comandante.

 

SILVIA

Mille calamità peggiori di questa

mi hanno insegnato a far buon viso a cattivo gioco.

 

SECONDO FUORILEGGE

Dài, portala via!

 

PRIMO FUORILEGGE

Dov’è il gentiluomo che era qui con lei?

 

TERZO FUORILEGGE

Agile com’è, ce l’ha fatta a scappare,

ma Valerio e Mosè gli stanno alle costole.

Tu va’ con lei a ponente, al limitar del bosco:

il comandante è là. Noi inseguiremo il fuggiasco.

Il bosco è circondato: non ha via di scampo.

 

PRIMO FUORILEGGE

Suvvia, devo portarvi alla grotta del comandante.

Non abbiate timore: è un vero gentiluomo,

e ad una donna lui non farà mai torto.

 

SILVIA

O Valentino, è per te ch’io sopporto! Escono.


ATTO QUINTO – SCENA QUARTA

Entra Valentino.

 

VALENTINO

Come l’uso nell’uomo tende a farsi costume!

Questo deserto ombroso, i boschi disabitati

li preferisco a fiorenti città popolose.

Qui posso sedere da solo, non visto da alcuno,

e alle dolenti melodie dell’usignolo

intonare le mie pene e affidar le mie ansie.

O tu che alberghi nel mio petto

non lasciar così a lungo inabitata la tua casa,

se non vuoi che, ridotto a rudere, l’edificio non crolli

senza lasciare ricordo alcuno di quel ch’è stato.

Puntellami, Silvia, con la tua presenza!

Ninfa gentile, conforta il derelitto tuo pastore!

[Rumori da dentro]

E adesso, cos’è questo vociare? Questo tumulto?

Sì, sono i miei compagni, per cui l’arbitrio è legge,

che dan la caccia a qualche disgraziato viandante.

Mi son devoti, eppure devo faticare un bel po’

per trattenerli da selvaggi eccessi.

Nasconditi, Valentino! Chi hanno portato qui?

[Si nasconde]

 

[Entrano Proteo, Silvia e Giulia]

 

PROTEO

Madonna, questo è il servizio che vi ho reso

(anche se voi non vi curate di quanto fa chi vi serve):

ho rischiato la vita per sottrarvi a colui

che vi avrebbe violata nell’onore e negli affetti.

Concedetemi la mercede di un solo sguardo benevolo:

un più modesto favore non posso implorare,

e meno di tanto, ne son certo, non potete dare.

 

VALENTINO [a parte]

È questo un sogno? Ma io vedo e sento…

Amore, dammi la forza di pazientare un po’.

 

SILVIA

O misera e infelice che sono!

 

PROTEO

Madonna, eravate infelice prima del mio arrivo;

ma col mio arrivo potete dirvi felice.

 

SILVIA

L’averti vicino mi rende infelicissima.

 

GIULIA [a parte]

Anche me, quando lui vi si avvicina.

 

SILVIA

Mi avesse ghermito un leone affamato,

avrei preferito far da pasto alla belva

che esser salvata da un traditore come Proteo.

Oh, il cielo m’è testimone, io amo Valentino,

la cui vita mi è cara quanto l’anima mia;

ed altrettanto – che di più non si può –

io detesto Proteo, l’infedele spergiuro.

per cui vattene, e cessa d’importunarmi!

 

PROTEO

Quale azione rischiosa, d’un rischio anche mortale,

non saprei affrontare per un solo sguardo benigno?

Oh, è la dannazione d’amore, sempre riconfermata,

che una donna non sappia amare quanto più è amata.

 

SILVIA

Che Proteo non sappia amare quanto più è amato!

Leggi in cuore a Giulia, tuo primo e grande amore,

lei per la quale hai poi frantumato la tua fede

in mille giuramenti: tutti quei giuramenti

che degradasti a spergiuro per amare me.

Ora non t’è rimasta alcuna fede: o forse ne hai due,

il che è assai peggio che nessuna. Meglio averne nessuna

che non una duplice fede, di cui una è di troppo.

Tu ingannatore del tuo fedele amico!

 

PROTEO

In amore

chi rispetta un amico?

 

SILVIA

Tutti, tranne Proteo.

 

PROTEO

Beh, se lo spirito gentile di parole suadenti

non può indurvi a più miti consigli,

vi farò una corte da soldato, in punta di spada,

e vi amerò a forza – contro ogni principio d’amore.

 

SILVIA

Oh cielo!

 

PROTEO

Ti forzerò a cedere alle mie voglie!

 

VALENTINO

Farabutto! Giù quelle mani barbare e incivili!

Tu, bell’amico della peggior risma!

 

PROTEO

Valentino!

 

VALENTINO

Tu, amico senz’arte né parte, senza fede né amore –

tale è oggi un amico – uomo infido,

tu hai illuso le mie speranze! Solo i miei occhi

potevano convincermi. Ora non oso più dire

di avere un amico al mondo: ché ci sei tu a smentirmi.

Di chi fidarsi adesso, quando la mano destra

è all’animo spergiura? Proteo,

mi duole non potermi mai più fidare di te,

e per causa tua sentirmi estraneo al mondo.

La pugnalata d’un amico ferisce più a fondo. O tempi scellerati,

quando fra i tuoi nemici il peggiore è un amico!

 

PROTEO

Vergogna e rimorso mi attanagliano.

Valentino, perdono! Se una sentita contrizione

basta come riscatto dell’offesa,

te ne faccio qui offerta: il tormento che provo

è pari al male perpetrato.

 

VALENTINO

Allora mi ritengo ripagato,

e di bel nuovo ti reputo uomo onesto.

Chi del pentimento non si appaga

non sta in cielo né in terra: ché questi si ritengon soddisfatti.

La penitenza placa l’ira dell’Eterno.

E, a che il mio amore appaia libero e schietto,

tutto ciò ch’era mio di Silvia a te lo dono.

 

GIULIA

O me infelice! [Sviene]

 

PROTEO

Soccorrete quel paggio!

 

VALENTINO

Ehi, paggio! Su, birbante, che mi combini? Cosa ti prende? Apri gli occhi, di’ qualcosa!

 

GIULIA

Oh, buon signore, il mio padrone mi aveva incaricato di consegnare un anello a Madonna Silvia; ed io, per mia negligenza, non l’ho fatto.

 

PROTEO

Dov’è l’anello, ragazzo?

 

GIULIA

Eccolo, è questo.

 

PROTEO

Ehi, fa’ vedere! Ma è l’anello che detti a Giulia!

 

GIULIA

Perdonatemi, signore: ho sbagliato,

questo è l’anello che mandaste a Silvia.

 

PROTEO

Ma come l’hai avuto? Questo lo detti a Giulia, alla partenza.

 

GIULIA

Giulia in persona me l’ha affidato,

Giulia in persona l’ha portato qui.

 

PROTEO

Cosa? Giulia?

 

GIULIA

Guardala bene, colei che bersagliavi di giuramenti

che lei serbava nel profondo del cuore.

Quante volte i tuoi spergiuri l’han colpita al centro!

Oh, Proteo, devi arrossire per questo mio costume!

Vergogna a te, se ho dovuto indossare

tale abito immodesto… ammesso ch’io mi debba vergognare

d’essermi, per amore, travestita.

Peccato è assai minore, agli occhi del pudore,

mutar di donna l’abito, che non dell’uomo il cuore.

 

PROTEO

Che non dell’uomo il cuore? È vero. Oh cielo! Se la costanza

fosse dell’uomo, sarebbe egli perfetto! Quest’unica magagna

lo colma di difetti, gliene fa fare di tutti i colori:

l’incostanza, prima di andare a segno, fa cilecca.

Che c’è nel volto di Silvia, ch’io non scorga

più fresco in Giulia, con l’occhio della costanza?

 

VALENTINO

Su, su, datemi entrambi la mano.

Concedetemi la grazia di portarvi al lieto fine:

che peccato, due amici che restano a lungo nemici!

 

PROTEO

Sii testimone, o cielo, che i miei voti si avverano per sempre.

 

GIULIA

Ed anche i miei.

 

[Entrano i Fuorilegge, con il Duca e Turione]

 

I FUORILEGGE

Dài, dài! Una preda, una preda!

 

VALENTINO

Alto là!

Fermatevi, vi dico! È il Duca mio signore.

A Vostra Grazia il benvenuto d’un uomo in disgrazia:

Valentino, il bandito.

 

DUCA

Ser Valentino?

 

TURIONE

Ma quella è Silvia! E Silvia m’appartiene!

 

VALENTINO

Indietro, Turione! O abbraccerai la morte.

Non venire a portata della mia collera,

non chiamar Silvia tua! Se ci riprovi

Verona non ti riavrà mai più. Eccola lì:

prova solo a sfiorare con un dito,

od anche solo un alito, il mio amore. Ti sfido!

 

TURIONE

Ser Valentino, no, non mi sta poi così a cuore.

Lo considero un folle, chi mette a repentaglio

la sua pelle per una donna che nemmeno l’ama.

Rinuncio a farla mia: pertanto è tua.

 

DUCA

Tanto più vile e degenere sei tu,

che per lei hai prima mosso mari e monti,

per poi lasciarla col più lieve dei pretesti.

Ed ora, sull’onor dei miei antenati,

io plaudo al tuo coraggio, Valentino:

ti penso degno dell’amore d’una imperatrice.

Sappi pertanto che qui dimentico ogni passata offesa,

cancello ogni rancore, ti richiamo a corte,

ti elevo a nuova dignità: i tuoi meriti non hanno rivali.

E questo ora proclamo: Ser Valentino,

sei un vero gentiluomo, e d’ottimo lignaggio.

Prenditi la tua Silvia, che ben l’hai meritata.

 

VALENTINO

Ringrazio Vostra Grazia, felice di tanto dono.

Ma ora v’imploro, per amore di vostra figlia,

di accordarmi di chiedervi un unico favore.

 

DUCA

Te l’accordo, per amor tuo, qualunque esso sia.

 

VALENTINO

Questi banditi, a cui mi sono aggregato,

son uomini dotati di degne qualità.

Perdonateli per quanto han qui commesso,

e revocate il bando che li esilia.

Essi son ravveduti, rinciviliti, pieni di buoni propositi

e degni di alti incarichi, mio nobile signore.

 

DUCA

L’hai avuta vinta: perdono te e anche loro.

Decidi tu cosa farne, tu che sai quanto valgono.

Su, andiamo: dissolveremo ogni risentimento

in feste, tornei e solennità eccezionali.

 

VALENTINO

E cammin facendo mi concederò l’ardire

di far sorridere Vostra Grazia coi miei racconti.

Che ne pensate, mio Duca, di questo paggio?

 

DUCA

Mi pare un paggio di non poca grazia. Toh, arrossisce.

 

VALENTINO

Parola mia, mio Duca: è più la grazia che il paggio.

 

DUCA

Che intendete dire?

 

VALENTINO

Con vostra licenza, ve lo dirò strada facendo;

vi stupirete ai casi della sorte.

Vieni, Proteo: per sola penitenza dovrai udire

la storia dei tuoi amori, palesata.

Ciò fatto, i nostri sponsali saranno anche i tuoi:

una sola festa, una sola dimora, una sola e reciproca felicità.

Escono.


I due gentiluomini di Verona

Introduzione - Riassunto

Atto I       Atto II       Atto III       Atto IV       Atto V

Introduzione al teatro di Shakespeare

Elenco opere teatrali