Shakespeare. Sonetto 134 - Sonnet 134. Audio. | Shakespeare Italia

Sonetto 134 – Sonnet 134

Shakespeare Sonetto 134

Così, or che ho confessato che egli è tuo. So, now I have confess’d that he is thine. 

Leggi e ascolta

Così, or che ho confessato che egli è tuo
e che me stesso ho ipotecato alle tue brame,
rinuncio a ogni diritto se tu l’altro mio io
vorrai restituirmi ancora a mio conforto.
Ma non lo farai, né lui vorrà mancar l’impegno,
perché tu sei possessiva ed egli ha nobil cuore;
solo a mio favore egli sottoscrisse
quel vincolo che anche lui or lega strettamente.
Della tua bellezza tu vuoi l’intero prezzo,
tu usuraia che solo dai per interesse,
e citi un amico che per me impegnò il suo nome:
così lo perdo per questo assurdo intrigo.
Io l’ho perduto; tu ci possiedi entrambi,
ei paga ogni tributo, ma ancor non sono libero.

Nel Sonetto 134 si svolge la storia della seduzione dell’amico del poetae. Sperando di ottenere il favore della donna, il poeta invia il giovane alla donna con un messaggio. Tuttavia, lei coglie l’opportunità di fare del giovane il suo amante, e il giovane risponde alle sue avances con tutto il cuore, come suggeriscono le righe 7 e 8: “solo a mio favore egli sottoscrisse / quel vincolo che anche lui or lega strettamente.” Quando il poeta viene a sapere dell’intreccio del giovane, incolpa se stesso, perché la donna lo ha usato per attirare il giovane; ora sia lui che il giovane sono coinvolti con l’amante. Per il poeta, l’innocenza e l’ingenuità spiegano il comportamento del giovane, ma teme di aver perso sia il giovane che la sua amante.

Costruito intorno all’immagine dell’usura, il Sonetto 134 ha un numero di espressioni oscene. Ad esempio, la riga 2, nel testo originale introduce un gioco di parole sulla parola “will”, che, in epoca elisabettiana, significava lussuria, desiderio e organi sessuali maschili o femminili. Il sonetto è saturo di termini comuni all’usura: Il poeta è “ipotecato” (usato come garanzia) dalla donna (l ‘“usuraia”) per guadagnare gli affetti del giovane (il “debitore”).

»»» Sonetto 133

»»» Sonetto 135

..

Read and listen

So, now I have confess’d that he is thine,
And I myself am mortgaged to thy will,
Myself I’ll forfeit, so that other mine
Thou wilt restore, to be my comfort still:
But thou wilt not, nor he will not be free,
For thou art covetous and he is kind;
He learn’d but surety-like to write for me
Under that bond that him as fast doth bind.
The statute of thy beauty thou wilt take,
Thou usurer, that put’st forth all to use,
And sue a friend came debtor for my sake;
So him I lose through my unkind abuse.
Him have I lost; thou hast both him and me:
He pays the whole, and yet am I not free.

The story of the poet’s friend’s seduction unfolds in Sonnet 134. Hoping to gain the woman’s favor, the poet sends the young man to the woman with a message. However, she seizes the opportunity to make the youth her lover, and the youth responds to her advances wholeheartedly, as lines 7 and 8 suggest: “He learned but surety-like to write for me / Under that bond that him as fast doth bind.” When the poet learns of the youth’s entanglement, he blames himself, for the woman used him to entice the young man; now both he and the youth are involved with the mistress. For the poet, innocence and naivete explain the youth’s behavior, but he fears that he has lost both the youth and his mistress.

Constructed around the image of usury ( lending money at a high rate of interest), Sonnet 134 has a number of bawdy expressions. For example, line 2 introduces a pun on the word “will,” which, in Elizabethan times, meant lust, desire, and either the male or the female sex organs. The sonnet is saturated with terms common to usury: The poet is “mortgaged” (used as security) by the woman (the “usurer”) to gain the affections of the youth (the “debtor”).

»»» Sonnet 133

»»» Sonnet 135

Crediti – Credits

Traduzione in Italiano di Maria Antonietta Marelli (I Sonetti – Garzanti editore)

Audio in Italiano – Lettura di Valter Zanardi dal canale YouTube VALTER ZANARDI letture

English audio from YouTube Channel Socratica

Sommario/Summary da/from Cliffsnotes.com

Indice Sonetti con audio – Audio Sonnets

PirandelloWeb