Shakespeare. Sonetto 152 - Sonnet 152. Audio. | Shakespeare Italia

Sonetto 152 – Sonnet 152

Shakespeare Sonetto 152

Tu sai che son spergiuro quando t’amo. In loving thee thou know’st I am forsworn. 

Leggi e ascolta

Tu sai che son spergiuro quando t’amo,
ma tu lo sei due volte quando mi giuri amore:
hai violato talamo nuziale e tradito nuovo credo,
giurando nuovo odio a un riconciliato amore.
Ma perché dovrei accusarti di due voti infranti
quando io ne rompo venti? Io sono più spergiuro
perché ogni voto mio è giuramento che t’inganna
e in te si è ormai distrutta ogni mia onesta fede.
Ho fatto sublimi giuramenti sulla tua bontà sublime,
giuramenti sul tuo amore, la tua onestà e costanza
e per darti luce, la spensi dai miei occhi
oppure li costrinsi a spergiurar se stessi:
perché ti ho giurato bella: io sono più spergiuro
per giurare contro il vero tal sordida menzogna.

La fine del rapporto tra il poeta e la donna diventa evidente. Rivolgendosi alla donna con un senso di vergogna e indignazione, il poeta è pienamente consapevole del proprio adulterio e di quello della sua amante, nonché della sua infedeltà nei suoi confronti e della sua mancanza di percezione morale: “Tu sai che son spergiuro quando t’amo, / ma tu lo sei due volte quando mi giuri amore.” Viene suggerita una riconciliazione tra il poeta e la donna, ma successivamente il poeta la accusa di “aver giurato nuovo odio dopo nuovo amore”.

Il Sonetto 152 riassume gran parte dei sentimenti e delle azioni passate del poeta riguardo alla donna. Con autocommiserazione grida: “Io sono più spergiuro”, e poi segue questa affermazione con una litania di come la donna abbia abbandonato tutti i suoi giuramenti nei suoi confronti. In un raro atto di percezione, riconosce quanto l’amore lo abbia reso cieco: “e per darti luce, la spensi dai miei occhi / oppure li costrinsi a spergiurar se stessi”. Il distico conclusivo sottolinea l’ironia dell’aspetto oscuro della donna, che nei sonetti precedenti il ​​poeta definiva bella, e del suo bel carattere, che ora si rende conto che è metaforicamente oscura, o immorale: “perché ti ho giurato bella: io sono più spergiuro / per giurare contro il vero tal sordida menzogna.”

»»» Sonetto 151

»»» Sonetto 153

..

Read and listen

In loving thee thou know’st I am forsworn,
But thou art twice forsworn, to me love swearing,
In act thy bed-vow broke and new faith torn,
In vowing new hate after new love bearing.
But why of two oaths’ breach do I accuse thee,
When I break twenty? I am perjured most;
For all my vows are oaths but to misuse thee
And all my honest faith in thee is lost,
For I have sworn deep oaths of thy deep kindness,
Oaths of thy love, thy truth, thy constancy,
And, to enlighten thee, gave eyes to blindness,
Or made them swear against the thing they see;
For I have sworn thee fair; more perjured I,
To swear against the truth so foul a lie!

The end of the relationship between the poet and the woman becomes apparent. Addressing the woman with a sense of shame and outrage, the poet is fully conscious of his own adultery and that of his mistress, as well as her infidelity to him and his lack of moral perception: “In loving thee thou know’st I am forsworn, / But thou art twice forsworn.” A reconciliation between the poet and the woman is suggested, but subsequently the poet accuses her of “vowing new hate after new love bearing.”

Sonnet 152 summarizes much of the poet’s past feelings and actions concerning the woman. Self-pityingly he cries, “I am perjured most,” and then follows this claim with a litany of how the woman has forsaken all of his oaths to her. In a rare act of perception, he acknowledges just how blind love has made him: “And, to enlighten thee, gave eyes to blindness, / Or made them swear against the thing they see.” The concluding couplet emphasizes the irony of the woman’s dark appearance, which in previous sonnets the poet characterized as fair, and of her fair character, which he now realizes is metaphorically dark, or immoral: “For I have sworn thee fair: more perjured I, / To swear against the truth so foul a lie!” Some editions read, “more perjured eye,” with a pun on “I”; others read, “more perjured I,” which echoes the phrase “I am perjured most” from line 6. However, whether the phrase is correctly conveyed with “I” or “eye” is relatively inconsequential: The poet and his “eye” have been inseparable throughout the sonnets, and both are unable to perceive reality using reason rather than passion.

»»» Sonnet 151

»»» Sonnet 153

Crediti – Credits

Traduzione in Italiano di Maria Antonietta Marelli (I Sonetti – Garzanti editore)

Audio in Italiano – Lettura di Valter Zanardi dal canale YouTube VALTER ZANARDI letture

English audio from YouTube Channel Socratica

Sommario/Summary da/from Cliffsnotes.com

Indice Sonetti con audio – Audio Sonnets

PirandelloWeb