Shakespeare. Sonetto 45 - Sonnet 45. Audio. | Shakespeare Italia

Sonetto 45 – Sonnet 45

Gli altri, aria leggera e fuoco purificatore. The other two, slight air and purging fire. 

Leggi e ascolta

Gli altri, aria leggera e fuoco purificatore,
sono entrambi con te, ovunque io mi trovi:
mio pensiero la prima, mio desiderio l’altro
che, presenti-assenti, rapidi si susseguono.
Quando questi elementi più veloci se ne vanno
in tenera ambasciata d’amore verso te,
la mia vita, di quattro composta, con due rimasta
oppressa da malinconia, affonda nella morte,
finché l’accordo della vita non vien rianimato
da quei rapidi messaggeri che ritornano da te,
e che proprio ora, certi del tuo buon stato,
sono qui presenti a darmene notizia:
udito questo, ne gioisco; ma poi ancora ansioso
nuovamente li rimando e all’istante torno triste.

Questo sonetto continua e completa l’idea del Sonetto 44, ma qui l’aria e il fuoco – che simboleggiano rispettivamente i pensieri e i desideri del poeta – sono legati al giovane in quanto il poeta lo pensa e desidera continuamente.

In senso figurato, il sonetto implica non tanto la comunicazione diretta quanto lo scambio telepatico di emozioni. La vita del poeta è “oppressa da malinconia, affonda nella morte”, e non si riprende finché il giovane non gli restituisce i suoi auguri e il suo amore. Le emozioni malinconiche del poeta sono cicliche, perché non appena il giovane restituisce questi auguri, il poeta inizia a pensarlo e desiderarlo, e in breve si sente di nuovo solo.

««« Sonetto 44

»»» Sonetto 46

..

Read and listen


The other two, slight air and purging fire,
Are both with thee, wherever I abide;
The first my thought, the other my desire,
These present-absent with swift motion slide.
For when these quicker elements are gone
In tender embassy of love to thee,
My life, being made of four, with two alone
Sinks down to death, oppress’d with melancholy;
Until life’s composition be recured
By those swift messengers return’d from thee,
Who even but now come back again, assured
Of thy fair health, recounting it to me:
This told, I joy; but then no longer glad,
I send them back again and straight grow sad.

This sonnet continues and completes the idea of Sonnet 44, but here air and fire — symbolizing the poet’s thoughts and desires, respectively — are linked to the youth because the poet continuously thinks about and desires the young man. Figuratively, the sonnet implies not so much direct communication as the telepathic exchange of emotions.

Alone, the poet “sinks down to death, oppressed with melancholy,” and does not recover until the youth sends his well-wishes and love back to him. However, the poet’s melancholic emotions are cyclical, for as soon as the young man sends back these greetings, the poet begins to think about and to desire the youth, and shortly he feels alone again.

««« Sonnet 44

»»» Sonnet 46

Crediti – Credits

Traduzione in Italiano di Maria Antonietta Marelli (I Sonetti – Garzanti editore)

Audio in Italiano – Lettura di Valter Zanardi dal canale YouTube VALTER ZANARDI letture

English audio from YouTube Channel Socratica

Sommario/Summary da/from Cliffsnotes.com

Indice Sonetti con audio – Audio Sonnets

PirandelloWeb