Sonetto 57 – Sonnet 57

Essendo schiavo tuo, che altro potrei fare. Being your slave, what should I do but tend. 

Leggi e ascolta

Essendo schiavo tuo, che altro potrei fare
se non servir ore e momenti di ogni tuo volere?
Non è prezioso il tempo che io ho da spendere,
né servigi da rendere finché tu non li chieda.
Né oso io dolermi di quei momenti senza fine
mentre, mio signore, guardo l’ora in tua attesa,
né giudico esasperante l’amarezza dell’assenza
quando al tuo servitore tu hai detto addio.
Né oso domandare al mio pensier geloso
ove tu possa essere o supporre cosa stia facendo,
ma in triste schiavitù io aspetto e solo penso
quanto tu renda felice chi ti sta vicino.
L’amore è così sciocco che in ogni tuo piacere,
qualunque sia il tuo agire, non crede in alcun male.

Nel Sonetto 57, il poeta sostiene di non essere tanto l’amico del giovane quanto il suo schiavo. Come uno schiavo, aspetta il piacere del giovane: “ma in triste schiavitù io aspetto e solo penso / quanto tu renda felice chi ti sta vicino”. Infastidito e triste per il suo modo di esprimersi dignitoso ed educato, il poeta sembra perdere la capacità di pensare e giudicare criticamente: “L’amore è così sciocco che in ogni tuo piacere, / qualunque sia il tuo agire, non crede in alcun male”. Seguendo così da vicino il verso vertiginoso del Sonetto 55, la rapida discesa del poeta nell’autocommiserazione rende la sua situazione ancora più patetica.

««« Sonetto 56

»»» Sonetto 58

..

Read and listen

Being your slave, what should I do but tend
Upon the hours and times of your desire?
I have no precious time at all to spend,
Nor services to do, till you require.
Nor dare I chide the world-without-end hour
Whilst I, my sovereign, watch the clock for you,
Nor think the bitterness of absence sour
When you have bid your servant once adieu;
Nor dare I question with my jealous thought
Where you may be, or your affairs suppose,
But, like a sad slave, stay and think of nought
Save, where you are how happy you make those.
So true a fool is love that in your will,
Though you do any thing, he thinks no ill.

In Sonnet 57, the poet argues that he is not so much the young man’s friend as he is his slave. As a slave, he waits on the youth’s pleasure: “But, like a sad slave, stay and think of nought / Save where you are how happy you make those.” Annoyed and sad underneath his dignified and polite phrasing, the poet seems to be losing the ability to think and judge critically: “So true a fool is love that in your will, / Though you do anything, he thinks no ill.” Ironically, these last two lines read more true if we substitute the poet for the word “love” and its pronoun “he”: “So true a fool am I in your will, / Though you do anything, I think no ill.” Following so closely after the soaring verse of Sonnet 55, the poet’s quick descent into self-pity makes his situation even more pathetic.

««« Sonnet 56

»»» Sonnet 58

Crediti – Credits

Traduzione in Italiano di Maria Antonietta Marelli (I Sonetti – Garzanti editore)

Audio in Italiano – Lettura di Valter Zanardi dal canale YouTube VALTER ZANARDI letture

English audio from YouTube Channel Socratica

Sommario/Summary da/from Cliffsnotes.com

Indice Sonetti con audio – Audio Sonnets

PirandelloWeb