Shakespeare. Sonetto 58 - Sonnet 58. Audio. | Shakespeare Italia

Sonetto 58 – Sonnet 58

Vieti quel Dio che primo a te mi rese schiavo. That god forbid that made me first your slave. 

Leggi e ascolta


Vieti quel Dio che primo a te mi rese schiavo
che in mente vagli i tuoi attimi di piacere
o che alla tua mano implori il resoconto delle ore,
essendo tuo vassallo, son costretto al tuo volere.
Possa io soffrire, sempre al cenno tuo,
la forzata solitudine della tua vita libera
e la pazienza, al dolor domata, tollerar le offese
senza accusare te di ingiusta crudeltà.
Ovunque tu sia, il tuo privilegio è tale
che tu solo puoi concedere il tuo tempo
a ciò che prediligi, spetta soltanto a te
perdonar te stesso del male che commetti.
Aspettar io devo, benché l’attesa sia un inferno,
non biasimare il tuo volere, sia esso giusto o ingiusto.

Come in tanti altri sonetti, il fastidio del poeta per il giovane è espresso in modo ambiguo. Ci accorgiamo appena che rimprovera il giovane nelle righe “Vieti quel Dio che primo a te mi rese schiavo / che in mente vagli i tuoi attimi di piacere”. Sicuramente l’allusione è che il poeta non si lamenterà della sua trascuratezza: “e la pazienza, al dolor domata, tollerar le offese / senza accusare te di ingiusta crudeltà”. Né si aspetta un resoconto del tempo del giovane. Tuttavia, è implicita una ferita: “Aspettar io devo, benché l’attesa sia un inferno, / non biasimare il tuo volere, sia esso giusto o ingiusto”. La dignità del poeta è offesa.

««« Sonetto 57

»»» Sonetto 59

..

Read and listen


That god forbid that made me first your slave,
I should in thought control your times of pleasure,
Or at your hand the account of hours to crave,
Being your vassal, bound to stay your leisure!
O, let me suffer, being at your beck,
The imprison’d absence of your liberty;
And patience, tame to sufferance, bide each cheque,
Without accusing you of injury.
Be where you list, your charter is so strong
That you yourself may privilege your time
To what you will; to you it doth belong
Yourself to pardon of self-doing crime.
I am to wait, though waiting so be hell;
Not blame your pleasure, be it ill or well.

As in so many other sonnets, the poet’s annoyance with the young man is expressed ambiguously. We hardly notice that he rebukes the youth in the lines “That god forbid that made me first your slave / I should in thought control your times of pleasure.” Surely the suggestion is that the poet will not complain of his neglect: “And patience, tame to sufferance, bide each check / Without accusing you of injury.” Nor does he expect an accounting of the youth’s time. Still, an injury is implied: “I am to wait, though waiting so be hell, / Not blame your pleasure, be it ill or well.” Moreover, “self-doing crime” implies that the youth hurts not only the poet but himself as well. If nothing else, however, the poet’s dignity is slighted.

««« Sonnet 57

»»» Sonnet 59

Crediti – Credits

Traduzione in Italiano di Maria Antonietta Marelli (I Sonetti – Garzanti editore)

Audio in Italiano – Lettura di Valter Zanardi dal canale YouTube VALTER ZANARDI letture

English audio from YouTube Channel Socratica

Sommario/Summary da/from Cliffsnotes.com

Indice Sonetti con audio – Audio Sonnets

PirandelloWeb